ISCOM - Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell'Informazione

Laboratori

Radiodiffusione Sonora e Televisiva

Il laboratorio di Radiodiffusione Sonora e Televisiva, nel contesto di una società dinamica veloce ad assorbire le evoluzioni che la tecnologia offre di continuo, si adegua svolgendo le seguenti attività:

  1. Studio delle interferenze LTE sui segnali  DVB-T
    Nel Laboratorio Radiodiffusione Sonora e Televisiva è presente un banco per misurazioni sul riuso della banda UHF televisiva da parte del servizio radiomobile LTE che permette la simulazione di molteplici condizioni interferenziali viste all’ingresso dell’impianto di ricezione TV.
    In questo ambito il Laboratorio ha collaborato alla formulazione del DM 22 gennaio 2013 “Regole tecniche relative agli impianti condominiali centralizzati d'antenna riceventi del servizio di radiodiffusione”.
    Presso il laboratorio sono state effettuate, per tutto il 2012, circa quattromila prove, con i seguenti risultati.
  2. Verifiche tecniche sui decoder (Set-Top-Box) televisivi (satellitari, terrestri e via cavo) e sui televisori con decoder integrati
    Viene effettuata la verifica della rispondenza alla normativa nazionale ed internazionale.
    In particolare:
    • sugli apparati si effettuano verifiche che mettono in evidenza le prestazioni di funzionamento;
    • sui televisori digitali e sui decoder non interattivi vengono studiate procedure semplificate di sintonizzazione automatica/manuale che, al fine di agevolarne l’uso da parte degli utenti, sono poi messe a disposizione ai seguenti indirizzi:
    • sugli stessi apparati si effettuano controlli riguardo il corretto funzionamento dell’ordinamento automatico dei programmi televisivi (LCN, Logical Channel Number) e le modalità di risoluzione degli eventuali conflitti.
  3. Prove sui trasmettitori per il servizio di broadcasting
    Per potenze fino ad 1 kW in laboratorio (in campo per potenze superiori), si possono eseguire prove di rispondenza su apparati trasmittenti, analogici e numerici, utilizzati per il broadcasting dei servizi audio e video.
  4. TV Mobile
    Sono presenti le piattaforme per i servizi DVB-H e T-DMB le quali consentono di eseguire su apparati di trasmissione e di ricezione prove di rispondenza alle normative vigenti. Sugli apparati di ricezione, in particolare, è possibile eseguire la misura di sensibilità in camera anecoica.
  5. Sperimentazione nell’ambito della TV Numerica
    In ambienti dedicati è stato realizzato un laboratorio per ricerca e sperimentazione, denominato Progetto TV++, nel quale si studiano, in collaborazione con la Fondazione Ugo Bordoni e l’Università Sapienza di Roma, le principali tecniche volte ad aumentare le prestazioni dell’attuale apparato ricevitore televisivo domestico attraverso l’utilizzo di internet e dei dispositivi radio mobili.

Laboratorio Radiodiffusione Sonora e Televisiva: foto 1

Laboratorio Radiodiffusione Sonora e Televisiva: foto 2

Laboratorio Radiodiffusione Sonora e Televisiva: foto 3

Informazioni - Laboratorio Radiodiffusione Sonora e Televisiva

Responsabili:

Ing. Elio Restuccia
Tel.: +39 06 5444 2764
E-mail: elio punto restuccia chiocciola mise punto gov punto it

Ing. Gianmarco Fusco
Tel.: +39 06 5444 2671
E-mail: gianmarco punto fusco chiocciola mise punto gov punto it

Richiesta di prove di laboratorio

Modulo per la richiesta di prove disponibili in laboratorio.

Le aliquote e gli importi indicati nel prospetto, inviato al termine delle prove, sono definiti in base a quanto disposto dal DM Conto Terzi del 15 febbraio 2006.

NOTA: Per le prove sui filtri LTE, si rilascia un rapporto di prova tecnico sulla base di quanto indicato nell’Appendice C della guida CEI 100-7.
La materia, infatti, è ancora in evoluzione e la stessa guida CEI 100-7 potrà essere soggetta a revisioni future in base all’evoluzione tecnologica ed alle risultanze delle applicazioni sul campo in condizioni operative reali.

“Televisione, Radio, Multimedia su Reti IP a banda larga ed Ultra Larga”

Guida divulgativa  realizzata dal CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano, del quale l’Istituto Superiore C.T.I. è membro attivo.

La Guida si prefigge di descrivere in modo semplice e puntuale l’evoluzione tecnologica che caratterizza gli standard qualitativi della trasmissione e della ricezione di contenuti e di servizi TV e RADIO offrendo ai cittadini e agli addetti ai lavori una panoramica degli attuali e più utilizzati dispositivi di diffusione radiotelevisiva presenti sul mercato.

Estratto della pubblicazione